venerdì 12 dicembre 2008

Le uniche verità vengono da Papa Benedetto XVI, la vera crisi giunge dalla speculazione

Il buon Papa Benedetto ha ragione quando afferma che il male di questo tempo risiede nella speculazione dei mercati internazionali e non nella carenza di cibo. Pensiamo solo a quanta carne, frutta, latte e altro genere di ogni varietà di alimentari si gettano nella spazzatura ogni anno. Ma ormai in un mondo dove la politica è sempre più materialistica e fatta di furbetti che non hanno a cuore le vere sorti degli uomini tutto sembra assurdamente normale. La cosa che più mi dispiace è che ancora gli esseri umani credono in certi sistemi sociali e si allontanano dall'unica fonte di vita, l'essenza della Chiesa è cioè la vita dedita al sacrificio e ad i veri valori dell'umanità. Il Papa "NOSTRO", si di tutti noi perché rappresenta Pietro in terra lo reclama a gran voce affinchè l'accesso al cibo venga garantito a tutti. Poi il pontefice parla di solidarietà e spiega come senza una una rete mutuale di assitenza reciproca tra tutti i governi cosidetti "Ricchi" ed i Paesi "Poveri" non si possa affrontare nessun tipo di emergenza perché chi ha nelle proprie tasche un redditto sottostimato non può affacciarsi ed accedere ad un utilizzo dei prodotti di sussistenza del mercato globale, insomma basta con la guerra tra i ricchi e i poveri e pari diritti per tutti. In sintesi il messaggio del vicario di Cristo è stato chiarissimo e solo chi fa finta di non voler capire non intende. Infine il Papa ha toccato un tasto scottante andando contro i grandi sociologi di questo tempo e ribadendo come la crescita demografica delle nazioni sia fattore di sviluppo e non di povertà come sostenuto da qualche alto luminare delle scienze sociali ed economiche e questo - sottolinea il Papa - lo si vede dalla risposta in termini numerici e fattivi con l'avanzamento della Cina. Chiaro da questo affondo l'attacco all'aborto e ad una esasperazione dell'utilizzo degli anticoncezionali che hanno portato all'impoverimento dell'occidente, alla fine della natalità e alla involuzione del sistema famiglia. 

Cerca nel blog

GRAN MIRCI

GRAN MIRCI
TUTTO SULLA STORIA DI MESSINA

Segui Granmirci.it su TWITTER

GRANMIRCI.IT (TWITTER)

Google+ Badge

Google+ Followers

Instagram

Instagram

Youtube