sabato 4 settembre 2010

Ponte sullo Stretto: la Fenice Spa aggiudicataria del Monitoraggio ambientale ha iniziato i lavori di controllo per la tutela del territorio (29 mln di €) in vista di un ponte che forse non si farà mai.

E io pago diceva Totò, sarà anche stavolta così? Le trivellazioni effettuate dalla Fenice Spa per un costo di 29 mln di euro saranno i soliti soldi pubblici dispersi per un'opera che non vedrà mai la luce??? Quei 29 milioni (ex 60 miliardi delle vecchie lire) non era meglio spenderli per gli alluvionati del Borgo di Giampilieri al fine di mettere in sicurezza la collina che ha già ucciso troppa gente che non doveva fare quella fine tragica? Credo che la società civile messinese dovrebbe indignarsi davanti a questi scempi continui che subiamo da 30 anni a questa parte. Forse nessuno si schifa perché ormai ci va bene tutto poiché i nostri interessi si sono spostati in cose più futili ed effimere come lo sballo (una volta era solo del sabato sera oggi di tutti i giorni) quotidiano e l'apparenza perpetua. A me quelle trivelle sembrano aghi nelle vene, ma noto con dispiacere che i messinesi non ci fanno neanche più caso, neanche lì guardano questi bracci meccanici inutili, anzi no sono utilissimi solo a sprecar soldi pubblici. Il messinese continua a dormire, anzi ne siamo sicuri, direi più che convinti che alle prossime elezioni, il solito popolo bue voterà ancora per Berlusconi che gli griderà: "Per il popolo bue, ci vogliono le bufale..ehh...scusate, un po' di tono, dicevamo...Se votate me, il ponte si farà, avete visto che abbiamo già iniziato con le trivellazioni, chiaro segnale che la volontà di costruire c'è tutta, non vi resta che votare per l'unico uomo liberale di questo paese, l'uomo delle libertà (le sue però)".  Berlusconi verrà eletto deformerà stavolta senza i finiani la costituzione e saranno ca..i amari per tutti....ma il popolo messinese sarà contento di guardare alla finestra "Il ponte che non c'è" ed anche Bennato ne scriverà una canzone... -Secondo svincolo a destra questo è il cammino...e poi dritti fino a Messina, lo svincolo lo trovi da te porta al raccordo che non c'è...-
Perché a Berlusconi non si deve chiedere aiuto alle famiglie, ai precari, ai disoccupati, ai contratti dei dipendenti (ormai tutti sbilanciati a favore del PADRONE) ; si noi, gli scaltri messinesi, noi non chiediamo strade e ferrovie nuove, decoro e dignità per il nostro popolo...noi al contrario siamo per le cose spaziali, noi sappiamo chiedere, anzi abboccare alle cose utopistiche, anzi si crede alle utopie di antiche memorie....ma siamo messinesi, siamo siciliani e non cambieremo mai...ci piace credere agli scecchi che volano!

Clicca qui per vedere le foto dello scempio...in basso le didascalie!

Cerca nel blog

GRAN MIRCI

GRAN MIRCI
TUTTO SULLA STORIA DI MESSINA

Segui Granmirci.it su TWITTER

GRANMIRCI.IT (TWITTER)

Google+ Badge

Google+ Followers

Instagram

Instagram

Youtube