domenica 13 dicembre 2009

A Santa Lucia frittelle di mais e riposo per le donne gravide


Domani, 13 dicembre, si venera il culto di Santa Lucia Vergine e Martire. La protettrice degli occhi e della vista venne martirizzata il 13 dicembre del 304 d.C. sotto Diocleziano, ai tempi delle persecuzioni ai cristiani, dopo aver subìto l’asportazione degli occhi e la successiva decapitazione. L’antica tradizione popolare impone l’astensione dal cibarsi di pane e pasta.
Pare che questa usanza provenga dalla Sicilia; durante l'anno 1646 buona parte dell’ isola, governata dagli spagnoli, fu colpita da una grave carestia. Come per miracolo delle navi cariche di grano approdarono nel porto di Siracusa e, durante la Santa Messa, ove era esposto alla devozione dei fedeli il Simulacro argenteo della Santa, una colomba entrò in Cattedrale e volteggiando si posò sopra l'altare. Il grano fu subito distribuito al popolo che per sfamarsi in fretta lo cucinò come potette. Anche in molte Famiglie Ravellesi, in questo giorno, si usa astenersi dal mangiare pane e pasta.
Si preparano delle frittelle di farina di grano duro cosiddette “di papocchia”, una pietanza semplice e al tempo stesso gustosa, perchè costituita da farina di mais (sempre presente nelle case dei ravellesi di un tempo), acqua e sale; l’insieme di questi ingredienti viene poi soffritto in olio d’oliva e servito a tavola. Anche nei forni di Ravello in questo giorno si panificava con farina di granturco; un' usanza che, probabilmente, ha qualche analogia con la tradizione siciliana, ma che più precisamente vuole significare una particolare devozione a Santa Lucia, protettrice della vista.
Altra tradizione (ma non gastronomica), che nel giorno di Santa Lucia veniva osservata da parte delle donne gravide e dei rispettivi coniugi, era l'astensione completa dal lavoro. Si credeva che il neonato sarebbe nato con malformazioni fisiche e psichiche.
La Chiesa di Ravello ricorderà Santa Lucia nel pomeriggio di domani: le Parrocchie di Santa Maria del Lacco e di San Pietro alla Costa venereranno le effigi della Santa come da tradizione.
(fonte: www.vescovadoravello.net)

Cerca nel blog

GRAN MIRCI

GRAN MIRCI
TUTTO SULLA STORIA DI MESSINA

Segui Granmirci.it su TWITTER

GRANMIRCI.IT (TWITTER)

Google+ Badge

Google+ Followers

Instagram

Instagram

Youtube