martedì 14 ottobre 2008

Oggi la città di Messina sbanca al Columbus Day della quinta avenue di New York

Ancora una notizia riguardante Messina giunge dalla 5°Avenue di New York dove si sta tenendo il prestigiosissimo "Columbus Day", il sommergibile italiano "Todaro" effettuerà delle esercitazioni con la marina americana nelle stesse acque statunitensi. Lo Stesso giornale americano, sotto il link ed il testo dell'articolo, ricorda alle genti di tutto il mondo che Todaro era un grandissimo e valoroso messinese morto in guerra in un sottomarino, appunto...

Eccovi il link e la notizia della testata on-line America Oggi:
http://www.americaoggi.info/2008/10/10/7897-columbus-day-arriva-new-york-il-sottomarino-todaro

Columbus Day:
Arriva a New York il sottomarino "Todaro
Giuseppe Greco - America Oggi -

Si respira aria italiana lungo la Quinta Avenue di New York. Lunedì per il Columbus Day è prevista una giornata di sole e la comunità italiana della Big Apple si darà appuntamento in modo compatto per celebrare la giornata in cui l'America rende omaggio a Cristoforo Colombo.Sarà forse un caso il fatto che quest'anno il grand Marshall è un ammiraglio in pensione della Us Navy, Edmund Giambastiani. Sta di fatto che proprio ieri mattina è arrivato il sommergibile Todaro a New York a conclusione di un intenso programma addestrativo svolto in Atlantico con la marina statunitense. Il Todaro ha attraccato al Pier 90, davanti la 49.ma Strada e la West Side Highway a Manhattan. Lo comanda il Capitano di Corvetta Mauro Panebianco, un barese di 36 anni.La sosta del Todaro nella Big Apple coincide con le celebrazioni del "Columbus Day"; lunedì, infatti, l'equipaggio e la bandiera della Marina Militare, sfileranno nella tradizionale parata lungo la Fifth Avenue a rappresentare l'Italia. Il Todaro, ha lasciato l'Italia nel maggio scorso, raggiungendo le coste del nord America a luglio 2008, dopo alcune soste lungo l'itinerario. Successivamente il sommergibile si è inserito in un programma di addestramento con unità navali della US Navy; le esercitazioni in mare. Il sommergibile "Salvatore Todaro" della classe U212A, costruito a Muggiano (Spezia) da Fincantieri, è frutto di un programma di cooperazione internazionale tra Italia e Germania. Il battello di nuova generazione, è dotato di sistemi all'avanguardia nella tecnologia che permettono di conseguire prestazioni ragguardevoli: l'autonomia, i valori di segnatura, i sistemi elettroacustici e i sistemi d'arma sono tra le capacità più significative. Cominque non è questa la prima volta che il sommergibile italiano arriva lungo le coste degli Stati Uniti. Il Todaro, infatti, è di casa alla base di New London, vicino Groton, in Connecticut, dove c'è la base navale Usa della flotta dei sottomarini in Atlantico.Torniamo alla parata sulla Quinta Avenue. Sul tappeto rosso inoltre, come già l'anno scorso assisteremo alla performance della cantante italoamericana "la Sarà", che per l'occasione presenterà il suo nuovo singolo, inedito, "I'm everywhere". Radio Icn e America Oggi, come tradizione, prenderanno parte alla parata con il carro allegorico.CHI ERASalvatore Todaro era un comandante di Marina morto nel corso della Seconda Guerra Mondiale. Nacque a Messina il 16 settembre 1908. Allievo dell'Accademia Navale di Livorno dal 18 ottobre 1923, nel 1927 conseguì la nomina a Guardiamarina e promosso Sottotenente di Vascello l'anno successivo, frequentò a Taranto il Corso di Osservazione Aerea. Dopo un lungo periodo di imbarco su unità di superficie e subacquee, nel 1936 operò con la 146a Squadriglia Idrovolanti di Cagliari Elmas e nel 1937 imbarcò su sommergibile operante nelle acque spagnole durante la guerra di Spagna.Nel giugno 1940, nel grado di Capitano di Corvetta, ebbe prima il comando del sommergibile "Manara" e poi quello del "Cappellini" con il quale condusse missioni di particolare rilevanza bellica tanto da meritarsi ben tre citazioni sui Bollettini di Guerra.Nel novembre 1941 passò nella X Flottiglia MAS di La Spezia e, al comando dei mezzi d'assalto, partecipò ad importanti operazioni in Mar Nero a Sebastopoli.Rientrato in Italia, ideò e pianificò le operazioni "BO.G.1" e "Beta". Al rientro tin Italia rovò la morte a La Galite (Tunisi) nel corso di un mitragliamento aereo da parte degli inglesi sulla nave Cefalo, sulla quale si trovava imbarcato.

Cerca nel blog

GRAN MIRCI

GRAN MIRCI
TUTTO SULLA STORIA DI MESSINA

Segui Granmirci.it su TWITTER

GRANMIRCI.IT (TWITTER)

Google+ Badge

Google+ Followers

Instagram

Instagram

Youtube